a cura della Redazione

 

Cassano all'Ionio - Il 16 maggio scorso nell'Aula Consiliare "Gino Bloise" di Palazzo di Città, gremita di pubblico, presenti autorità civili, militari e religiose, la Polisportiva Magna Graecia Cassano all'Ionio ha presentato il progetto esecutivo "Adotta una Fontana", previa autorizzazione all’adozione da parte della Commissione Straordinaria che amministra il nostro Comune, per l’adozione, ripristino, recupero conservativo e manutentivo della Fontana della Villa Comunale di via G. Amendola.

Il progetto era stato presentato e approvato dalla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Cosenza, in conseguenza dell’atto vandalico perpetrato da ignoti nella notte di hallowen, 31 ottobre 2017, che era sfociato nello sventramento di parte della vasca superiore della Fontana ornamentale della Villa, e reso monca e sgradevole l’intera area.

Francesco Lombardi, moderatore della serata, ha rimarcato che "...Passione per la corsa e il piacere di stare insieme, da sempre principi guida della Polisportiva, inducono a perseguire non solo attività prettamente sportive, ma anche fini sociali, ricreativi, educativi e culturali, come previsti dallo statuto sociale, richiamando l'attenzione sul binomio perfetto tra sport e solidarietà: fare sport significa anche aiutare il prossimo".

Il presidente Aldo Iacobini, ha tratteggiato i vari passaggi burocratici che hanno portato alla presentazione del Progetto, sottolineando che verrà realizzato con oneri a carico della Polisportiva Magna Graecia e dato valore al mondo dell’associazionismo cassanese che insieme, seppure da posizione diverse, concorrono a rendere più attraente e propositiva la convivenza nella città delle Terme.

Iacobini si è soffermato sulle finalità del progetto, sui criteri di scelta dell’architetto progettista attinto all’interno della Società e dell'impresa esecutrice dei lavori munita dei requisiti di legge per operare sui beni culturali, categoria OG2, richiamando lo stretto legame che da sempre caratterizza la Polisportiva con i bisogni della Città di Cassano.

Il dott. Mario Muccio e la dr.ssa Rita Guida, componenti la Commissione Straordinaria del Comune, nell'apprezzare e condividere la valenza del progetto, hanno sottolineato con varie sfaccettature e apprezzamenti l'importanza dell'attivismo associativo che opera in sinergia con l'amministrazione comunale.

Nel corso dei lavori è stato reso pubblico l’Accordo di Cittadinanza -Protocollo d’intesa- sottoscritto dal dr. Mario Muccio e dr.ssa Rita Guida per il Comune di Cassano e da Aldo Jacobini, presidente della Polisportiva magna Graecia.

L'arch. Corso, socio della Polisportiva ha illustrato il progetto esecutivo di ripristino e restauro conservativo della Fontana avvalendosi di immagini proiettate in sala.

Nel corso della manifestazione è stata consegnata la tessera di socio onorario a Francesco De Santis, un uomo da sempre vicino al mondo dello sport, pur essendo impossibilitato a deambulare autonomamente.

Le conclusioni doverose sono state rassegnate da S.E. Mons. Francesco Savino, Vescovo della Diocesi cassanese, il quale ha richiamato l'attenzione del pubblico su due verbi: "Adottare e Risarcire. L'adozione, di persone e/o di beni, è sempre un frammento di civiltà e risarcire un bene pubblico deturpato da un vile gesto, non può che fra crescere la comunità". La città di Cassano deve avere il coraggio di risorgere. Questo il monito del Vescovo.

L'adozione della Fontana è un altro piccolo tassello di un grande mosaico: quello della Polisportiva. Una grande famiglia che cammina insieme verso altri traguardi.


Reportage fotografico curato dal socio Salvatore Pennini